TEASER Milano in the cage

Guarda il teaser ufficiale del film “Milano in the cage”. Coming soon!

Recensione di Joe Denti, autore dei libri sul cinema “Sentieri di celluloide”:

“MILANO IN THE CAGE”
Nella ragnatela del Cinema Italiano esistono dei registi indipendenti capaci di realizzare opere interessanti, lontane da quella calligrafia filmica che ruota intorno alle solite commedie che trovano la distribuzione nelle sale, penalizzando un Cinema più vicino ad una realtà quotidiana, una realtà che ci fa paura e che a volte non vogliamo conoscere. FABIO BASTIANELLO, conosciuto, ma tenuto ingiustamente nascosto dal Cinema commerciale e dalle istituzioni di uno sport sempre più alla dervia, per il suo “gioiello”, diretto nel 2009, “SECONDO TEMPO”, presentato al Festival di Venezia, unico e vero titolo nel descrivere, con crudo realismo, ciò che accade nelle curve degli Ultras del calcio e unico esempio nella Storia del Cinema ad essere stato girato in un piano-sequenza di 105 minuti, ma condannato al divieto dei minori di 18 anni, porta sul grande schermo, “MILANO IN THE CAGE”, una storia che gioca con la realtà, in cui il protagonista (Alberto Lato) è un uomo di strada che trova nel combattimento la sua unica via d’uscita per realizzarsi nei confronti di una società che lo tiene lontano, ai margini dell’esistenza. Ancora una volta BASTIANELLO conferma il suo talento nel realizzare un film in cui il finale non lo decide il regista ma il risultato dell’ultimo combattimento, un combattimento vero, in quella gabbia che rappresenta la cella di una vita diversa in una Milano “brutta”, che il buio della notte la tiene nascosta e che nessuno vuol far vedere. Un film coraggioso come è coraggioso il suo autore da sempre narratore di una realtà che da fastidio, capace di trasformare attori non professionisti testimoni di vita quotidiana non togliendo nulla al loro destino.
Joe Denti